Carabinieri eventi

Servizio RSS - Event offerto da www.carabinieri.it
  1. Gerico (Palestina) - Carabinieri, MIADIT 10 Palestina: visita dello US Security Coordinator e consegna diplomi

     Il Lt. Gen. Eric P. Wendt, US Security Coordinator per l'autorità israeliana e palestinese, ha fatto visita al contingente della MIADIT 10 Palestina, intrattenendosi con il personale dell'Arma dei Carabinieri impegnato nelle attività addestrative a favore delle forze di sicurezza palestinesi. Il Lt. Gen. Wendt ha voluto conoscere, per ciascuno dei Carabinieri presenti, il reparto di provenienza ed il backgroud professionale acquisito nel tempo. L'ufficiale Generale, che proviene dalle forze speciali dell'Esercito statunitense, ha mostrato particolare interesse nei confronti dell'attività svolta dai militari del Gruppo di Intervento Speciale e del 1° Reggimento Carabinieri Paracadutisti "Tuscania". Le attività addestrative, oltre che dal personale proveniente dai citati reparti, sono svolte in stretta sinergia tra appartenenti del 7° Reggimento Carabinieri "Trentino Alto Adige", 13° Reggimento Carabinieri "Friuli Venezia Giulia", personale della 2^ Brigata Mobile, del CoESPU e della linea territoriale. A conclusione della visita, il Capo Missione, Colonnello Filippo Calisti, ha donato al Gen. Wendt un crest dell'Arma. La visita ha preceduto di due giorni la chiusura dei primi due corsi formativi svolti dalla MIADIT 10 Palestina a favore delle Forze di sicurezza palestinesi. Infatti, nella giornata di mercoledì 13 febbraio 2019, presso il Central Training Institute di Gerico, si è svolta una sobria cerimonia presieduta dal Comandante della General Military Training Commission, Maj. Gen. Youssef Al-Helo, il quale ha consegnato ai frequentatori del corso Special Police Operations un attestato di frequenza. Nel suo intervento, l'Ufficiale Generale ha ringraziato il Capo Missione della MIADIT 10 Palestina e tutta l'Arma dei Carabinieri per la professionalità dimostrata nel corso degli addestramenti che, ormai, si susseguono dal 2014. Ancora, il Maj. Gen. HELO, ha ribadito l'importanza della cooperazione bilaterale tra Forze di Sicurezza dell'ANP e Arma dei Carabinieri che, al momento, è l'unica a svolgere attività addestrativa nella West Bank. Analoga cerimonia si è tenuta nella stessa mattinata per la conclusione del corso "VIP Protection" svolto a favore del personale della Presidential Guard.
  2. Territorio nazionale - 1 1 2 il Numero unico di emergenza da oggi è anche un sito

    Tre numeri ed una data: 1 1 2 e 11 febbraio. Si celebra oggi in tutta Europa il Numero unico di emergenza (Nue) l’“1 1 2 day” e, in coincidenza con questo evento, debutta il nuovo sito web dedicato al servizio. https://112.gov.it contiene le informazioni sulla genesi e lo sviluppo del Servizio, sul suo funzionamento e le modalità di utilizzo. Uno spazio agile e veloce, inoltre, è riservato alle news. Il modello organizzativo del Nue 1 1 2 prevede una Centrale unica di risposta nella quale vengono convogliate le chiamate di emergenza per richiedere l’intervento di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Vigili del Fuoco o il Soccorso sanitario. All’interno della Centrale gli operatori, formati per gestire la prima risposta alla chiamata, smistano le telefonate agli Enti responsabili della gestione delle emergenze. Questo sistema ha permesso alle singole amministrazioni che gestiscono le centrali operative di pronto intervento di ricevere solo le effettive chiamate di emergenza. Infatti, il 50% delle chiamate ricevute dalle Centrali uniche di risposta non viene inoltrata alle centrali operative  perché non di vera emergenza. Oggi il Servizio è attivo in Friuli Venezia Giulia, Lazio (prefisso 06), Liguria, Lombardia, Piemonte, Sicilia Orientale, Valle d’Aosta e nelle Province Autonome di Trento e Bolzano. Oggi, in occasione della ricorrenza, verrà riproposta l’iniziativa “Open day Cur”, che prevede l’apertura delle Cur ai cittadini per offrire l’opportunità di conoscere concretamente il funzionamento del Servizio NUE 1 1 2 anche attraverso l’attività degli operatori impegnati in prima linea.
  3. Les Echelles (F) - Cerimonia del 185° anniversario dell’eroico gesto del Car. Giovanni B. Scapaccino

    Il Carabiniere Giovanni Battista Scapaccino è stato il primo Carabiniere ad essere insignito con medaglia d’Oro al Valore Militare. Effettivo alla Stazione Carabinieri di Les Echelles (Savoia), tornando a cavallo da Chambery, fu assalito e circondato da alcuni ribelli che, sotto la minaccia delle armi, gli intimarono di aderire alla loro causa e di gridare "Viva la repubblica". Consapevole che dalla risposta dipendeva la sua vita, il carabiniere oppose un fiero rifiuto, testimoniando leale fedeltà al Re. Spronò il cavallo nella speranza di superare il cerchio degli armati, ma fu ucciso da due fucilate. Il 6 giugno 1834, alla Memoria del carabiniere, venne conferita la Medaglia d'Oro al Valor Militare con la seguente motivazione: "Per aver preferito di farsi uccidere dai fuorusciti, nelle mani di cui era caduto, piuttosto che gridare viva la repubblica a cui volevano costringerlo, gridando invece viva il Re. - Ponte des Echelles, 3 febbraio 1834". Oggi, in quello stesso luogo, si è svolta una cerimonia per ricordare quel primo eroico atto di fedeltà. Alla presenza del Vice Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Riccardo Amato, e del Comandante della Regione Savoia della Gendarmerie, Gen. Guimbert, è stata scoperta una targa sulla facciata dello stabile, all'epoca sede della Brigata dei Carabinieri Reali.
  4. Roma - ASSAB 1883: Carabinieri in Africa

    Presso il Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri si terrà l'incontro: ASSAB 1883: Carabinieri in Africa  Tavola rotonda con:  Ten. Col. Flavio Carbone Dottor Piero Crociani Gen. Vincenzo Pezzole Modera Prof. Virgilio Ilari Presidente SISM Roma, Piazza del Risorgimento 46 INGRESSO LIBERO - GRADITA LA PRENOTAZIONE Tel. 06.6896696 e-mail: museo.storico@carabinieri.it www.carabinieri.it  
  5. Atti di notifica

  6. Roma - Scuola Ufficiali Carabinieri: Cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2018-2019

    Nella mattinata, presso l’Aula Magna della Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, alla presenza del Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, dei Ministri dell’Interno Matteo Salvini, della Difesa Elisabetta Trenta e dell’Ambiente Sergio Costa si è svolta la cerimonia di inaugurazione dell’Anno Accademico 2018 - 2019. Fra le tante personalità presenti, Autorità parlamentari, di Governo e Diplomatiche, il Segretario Generale della Corte Costituzionale, esponenti delle Magistrature, i vertici delle Forze armate, delle Forze di polizia delle Agenzie di Informazione e Sicurezza, il Presidente del Gruppo Medaglie d’Oro al V.M., i Presidenti dell’Associazione Nazionale Carabinieri e dell’Associazione Nazionale Forestali in congedo ed esponenti degli organismi di rappresentanza dell’Arma. La cerimonia è stata aperta dal Comandante della Scuola, Generale di Divisione Riccardo Galletta, che ha indirizzato il proprio saluto ai presenti illustrando le attività didattiche svolte dall’Istituto. Ha quindi preso la parola il Comandante Generale Giovanni Nistri, che si è rivolto agli Ufficiali allievi frequentatori dei corsi. Ha loro ribadito la centralità della persona in termini di responsabilità, coscienza e coerenza. La responsabilità del ruolo, che chiama a garantire la libera fruizione dei diritti, assicurando il rispetto della dignità di tutte le persone, specie quelle in condizioni di fragilità e sottoposte alla custodia dell’Arma, per far sì che la legalità sia sempre affermata in modo limpido, come richiede la Costituzione. La coscienza dell’autorità rivestita richiede di migliorare costantemente se stessi, per far sì che i dipendenti alimentino e accrescano le proprie conoscenze, sostenendo la loro motivazioni attraverso l’ascolto attento e il giudizio equilibrato. Così si può meritare la considerazione degli uomini e delle donne rimessi alla propria responsabilità. Infine ha parlato della coerenza del comportamento, di come l’autorevolezza nasca dalla credibilità, dalla testimonianza dei principi propri della condizione militare e di tutori dell’ordine nei comportamenti quotidiani. Il generale Nistri ha dunque tracciato un sintetico quadro delle attività e dei risultati ottenuti lo scorso anno. L’Arma, unico presidio di polizia per il 48% della popolazione che vive nei centri con meno di 50.000 abitanti, ha perseguito il 73% dei reati denunciati nel Paese e ha operato nel 63% dei casi scoperti in Italia. Oltre 4 milioni di pattuglie, 11.000 ogni giorno hanno garantito la prevenzione e il pronto intervento 24 ore su 24. Nel settore investigativo sono stati tratti in arresto 783 persone per associazione di tipo mafioso e 7 latitanti pericolosi. Sono stati sequestrati e confiscati beni per oltre 1 miliardo di euro. Il Comandante ha sottolineato il rischio connaturato a questo costante impegno e il pensiero è andato ai 7 carabinieri deceduti in servizio e ai 1583 rimasti feriti nel 2018. Un coraggio quotidiano, fatto spesso di semplici gesti di solidarietà, come ha rimarcato il Presidente della Repubblica nel discorso di fine anno, ricordando uno dei tanti episodi di vicinanza alla popolazione dell’Arma. Un impegno che valica i confini nazionali con le missioni internazionali di pace, che vedono oltre 1.000 carabinieri nei vari teatri. Il modello Carabinieri è un solido punto di riferimento per la comunità internazionale, un ruolo svolto anche nei comparti di specialità. Il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, a 50 anni dalla costituzione, fornisce all’Unesco i caschi blu della cultura, provvedendo all’addestramento di molte polizie straniere, e il Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari, a due anni dalla sua istituzione, ha sviluppato le capacità di proiezione all’estero dei reparti forestali. Il Generale Nistri ha quindi auspicato soluzioni per consentire l’abbassamento dell’età massima di primo arruolamento e un provvedimento legislativo che delinei le modalità di esercizio del diritto all’associazionismo sindacale. In conclusione, il Comandante Generale si è rivolto nuovamente agli Ufficiali allievi, ai quali ha ricordato che fare parte dell’Arma è una scelta esistenziale. Ha preso dunque la parola il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, che ha ringraziato i Carabinieri “perché tutti i giorni rischiano la loro vita per difendere la libertà” lavorando con passione, amore, coraggio e onestà.  Al termine ha dichiarato aperto l’anno accademico 2018-2019.
  7. Messina - Il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta inaugura il monumento dedicato ai 5 carabinieri siciliani caduti a Nassiriya.

    Questo pomeriggio, presso la Caserma “A. Bonsignore” di Messina, sede del Comando Interregionale Carabinieri “Culqualber”, il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta ha inaugurato il monumento dedicato ai 5 Carabinieri Siciliani caduti a Nassiriya. Alla cerimonia hanno partecipato, con la presenza dei familiari delle vittime siciliane della strage, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Giovanni Nistri, il Comandante Interregionale Luigi Robusto e le massime Autorità civili, militari e religiose della Sicilia. Il monumento inaugurato quest’oggi è stato realizzato dagli alunni dell'istituto artistico “Ernesto Basile” di Messina, ed è costituito da un piano d'Altare in pietra siciliana lavorata a mano, che poggia su 4 gambi di rose, in acciaio, sorretti alla base da 4 pietre, provenienti delle Terre di origine di ciascun caduto siciliano, che circondano una roccia rossa giunta direttamente da Nassiriya. Le quattro pietre italiche abbracciano la pietra irachena e “rappresentano simbolicamente le gocce di sangue, che, sgorgate dal sacrificio dei caduti, hanno fatto fiorire una rosa”. Infatti dalle 4 pietre affiorano 5 rose in ferro battuto, in ricordo di ciascuno dei caduti siciliani, sovrastate da un ripiano in pietra tipica siciliana. Sul piano d’Altare il sacrificio dei Nostri caduti viene ricordato dalla seguente iscrizione: “La nostra Pietra Il rosso naturale della dura pietra irachena cela il sangue di un italico martirio e, da cornice i colori della sicula Patria d'origine. Tu che, silenzioso volgi verso di me il tuo sguardo e la tua prece fa di questi sassi un'unica pietra, per schiacciare odi e rancori e, solo allora, da quel sangue potrà sbocciare un fiore. S. Ten. Giovanni Cavallaro M.llo A. Alfio Ragazzi Brig. Giuseppe Coletta V. Brig. Domenico Intravaia App. Horacio Maiorana Terra irachena, 12/XI/2003 Terra di Sicilia 17/I/2019”    
  8. Roma - “Gloria e solitudine – Ernesto Cabruna. Il Carabiniere volante agente segreto di d’Annunzio a Fiume”

    Giovedì 24 gennaio 2019, alle ore 17:00, presso il Salone d’Onore del Museo Storico, si tiene la presentazione del volume dal titolo “Gloria e solitudine – Ernesto Cabruna. Il Carabiniere volante agente segreto di d’Annunzio a Fiume”. (locandina)
  9. Territorio Nazionale - Riserva Selezionata 2019

     
  10. Roma - Presentazione del volume di Roberto Guarasci: Cosma Manera e la Legione Redenta

    I Giovedi del Museo - Presentazione del volume di Roberto Guarasci: Cosma Manera e la Legione Redenta. Roma, Piazza del Risorgimento 46 INGRESSO LIBERO- GRADITA LA PRENOTAZIONE Tel. 06.6896696 e-mail: museo.storico@carabinieri.it
Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn