Carabinieri eventi

Servizio RSS - Event offerto da www.carabinieri.it
  1. Pisa - Manifestazione “MareinFesta” 2019

    La Sezione di Pisa della Lega Navale Italiana anche quest’anno, come già nel 2018, promuove la manifestazione denominata “MareinFesta”. La manifestazione, rivolta a un pubblico non ristretto ai soli diportisti, si è svolta sabato 6 e domenica 7 luglio. Quest’anno la manifestazione, ottenuto il Patrocinio morale del Comune di Pisa, si svolgerà in un tratto della passeggiata a mare antistante Piazza Baleari dalle 19 alle 23 con attività velica nelle acque antistanti già a partire dalla mattina. Il tema del “Vivere il mare “ è il filo conduttore dello spazio espositivo organizzato in più stand allestiti dalla LNI e dagli Enti partecipanti : Arma dei Carabinieri, Associazione Marinai d’Italia, Capitaneria di Porto – Guardia Costiera, Corpo dei Vigili del Fuoco, Croce Rossa Italiana, Istituzione Cavalieri di Santo Stefano, Lions Club Host Pisa, Parco Marino delle Secche della Meloria. Completeranno lo spazio espositivo una vasca dedicata alle evoluzioni di modellini telecomandati di scafi a vela e a motore e un simulatore di vela per far provare al pubblico più giovane l’emozione della conduzione di un’imbarcazione a vela. Parallelamente alla manifestazione a terra, nelle acque antistanti Marina di Pisa, si svolgerà, fin dal mattino di venerdì 5, un’intensa attività velica consistente nelle regate del Campionato Italiano SB20 e nella veleggiata “Trofeo Cavalieri di Santo Stefano” del Campionato L.N.I. Pisa. Alle 19 di sabato 6 l’alzabandiera, sottolineata dal fischio del nostromo dei Marinai d’Italia, segnerà l’apertura della manifestazione. All’interno degli stand saranno presentati filmati sulle attività in mare degli Enti presenti e, nell’area incontri, sarà allestita una mostra di foto di archivio di Marina di Pisa, gentilmente concesse per l’occasione dal Porto di Pisa. Alle 21,15 la manifestazione sarà allietata dal concerto della banda “Filarmonica di Cascina”. Domenica 7, oltre alle attività previste negli stand, avranno luogo le premiazioni del Campionato Italiano SB20 e alle 23 ci sarà la chiusura della manifestazione con l’ammainabandiera anche questa sottolineata dal fischio del nostromo dei Marinai d’Italia.  
  2. Cercola (NA) - Carosello Storico del 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo

    Il 12 luglio 2019 si svolge a Cercola, presso lo Stadio Comunale alle ore 20:00, il Carosello Storico del 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo.
  3. Roma - Presentazione del volume “I Battaglioni Carabinieri. Dalle origini alle operazioni di peace keeping e di training”

    Salone d’Onore del Museo Storico:GIOVEDI’ 11 LUGLIO 2019 ore 18.00 – Presentazione del volume “I Battaglioni Carabinieri. Dalle origini alle operazioni di peace keeping e di training”.  
  4. Napoli - Universiadi 2019

    In occasione delle Universiadi 2019  Il giorno 11 Luglio, alle ore 19:00, si esibirà la Fanfara a Cavallo del 4° Reggimento Carabinieri  che sfilerà su Via Partenope. Il 12 Luglio, alle 20:00, invece, a Cercola si riproporrà il carosello storico presso lo stadio comunale "G.Piccolo" (ingresso gratuito)
  5. Territorio nazionale - Sicurezza stradale: settima edizione dell’iniziativa "adotta una strada", in collaborazione tra fondazione ANIA e Arma dei Carabinieri

    Estate all’insegna della sicurezza stradale, con particolare attenzione al trasporto dei bambini in automobile e alla guida sotto l’effetto di alcol. Parte nella prima settimana di luglio la settima edizione di “Adotta una strada”, iniziativa nata dalla collaborazione tra la Fondazione ANIA e l’Arma dei Carabinieri, che punta a ridurre il numero e la gravità degli incidenti stradali su alcune delle strade più pericolose d’Italia. Dopo il successo della sesta edizione che si è svolta ad aprile, ancora una volta “osservate speciali” saranno l’Aurelia, la Padana Superiore, la Tirrena Inferiore, l’Orientale Sicula e la Carlo Felice, con il progetto che durerà dalla prima settimana di luglio fino al 31 agosto. I Carabinieri aumenteranno i controlli soprattutto nei fine settimana e nelle ore notturne nel periodo dell’anno considerato statisticamente più a rischio per l’incidentalità stradale. Guardando alle statistiche, infatti, il mese di agosto è quello con l’indice di mortalità più critico dell’anno (rapporto tra decessi e numero di incidenti, ovvero 328 in 14.195 sinistri), mentre il mese di luglio è quello in cui si è registrato il numero più alto di morti (341) e feriti (24.107) in assoluto. Prendendo in considerazione i dati degli ultimi 15 anni, i mesi estivi si confermano quelli più pericolosi, anche in considerazione dell’aumento della circolazione soprattutto nei fine settimana e in concomitanza delle partenze per le vacanze. A questi elementi si aggiunge il fatto che le strade extraurbane sono le più pericolose della rete viaria italiana: nel 2017, ultimo anno disponibile a livello statistico, su queste arterie si sono registrati 1.615 decessi, ovvero quasi la metà del totale delle vittime della strada in Italia (47,8%) e un incidente su 5 si è verificato proprio sulle strade extraurbane (35.077 pari al 20% del totale), causando oltre 56mila feriti (22% del totale) (FONTE: dati ACI Istat 2017). Grazie ad “Adotta una strada” verrà portata avanti un’azione di prevenzione ed informazione: oltre ad aumentare i controlli, le pattuglie dei Carabinieri concentreranno la loro attenzione sulla guida in stato di ebbrezza e sul corretto uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini: al termine del controllo, i militari in servizio distribuiranno agli automobilisti etilometri monouso e un opuscolo informativo realizzato dalla Fondazione ANIA con le norme per il corretto trasporto dei minori in auto. L’obiettivo della Fondazione ANIA e dell’Arma dei Carabinieri è quello di ripetere il grande successo della sesta edizione quando, in un mese di pattugliamenti sono stati controllati oltre 13mila veicoli e oltre 17.400 persone, con 1.734 conducenti sottoposti alla prova dell’etilometro.
  6. Territorio Nazionale - Aperte le procedure di adesione alla Riserva Selezionata, categoria Ufficiali

     
  7. Vicenza - Cerimonia di cambio del Comandante di EUROGENDFOR

    “Sono orgoglioso del lavoro che abbiamo svolto e continueremo a svolgere per il Quartier Generale Permanente della Forza di Gendarmerie Europea (EUROGENDFOR), per le Organizzazioni Internazionali, per i cittadini degli Stati Membri e per i cittadini della Comunità Europea”. Con queste parole il Colonnello della Gendarmeria Romena Lucian GAVRILĂ, settimo Comandante del Quartier Generale Permanente della Forza di Gendarmeria Europea, ha segnato la cerimonia del cambio di comando della Forza di Gendarmeria Europea, tenutasi questa mattina a Vicenza, presso la caserma “Ten. Gen. A. Chinotto”. Alla presenza dei Comandanti delle Gendarmerie o ai loro rappresentanti, alle altre autorità civili e militari degli Stati Membri della Forza di Gendarmeria Europea, nonchè ai precedenti Comandanti di EUROGENDFOR, il Colonnello Lucian GAVRILĂ ha ceduto il comando al Colonnello dei Carabinieri Giuseppe ZIRONE. Il Generale di Corpo d’Armata dell’Arma dei Carabinieri Riccardo AMATO, Comandante delle Unita' Mobili e Specializzate “Palidoro”, ed il Generale di Brigata della Koninklijke Marechaussee olandese Laurent HENDRICKX, in rappresentanza del Presidente del Comitato Interdipartimentale di Alto Livello (CIMIN), hanno passato in rassegna le truppe multinazionali schierate, unitamente al Comandante di EUROGENDFOR uscente. Come sottolineato dal Generale Laurent HENDRICKX, durante i 2 anni di servizio quale Comandante del Quartier Generale Permanente della Forza di Gendarmeria Europea, il Colonnello Lucian GAVRILĂ, unitamente al suo staff, ha sviluppato con successo una forte partnership con un ampio spettro di istituzioni internazionali nel campo del sostegno alla gestione delle situazioni di crisi. Inoltre, il suo staff ha supportato molte attività dell’Unione Europea nell'assicurare un processo di pianificazione, formazione e valutazione efficace ed efficiente. Il Colonnello GAVRILĂ ha anche colto l'opportunità di lodare i membri del Quartier Generale Permanente per la loro alta professionalità, dedizione e impegno sincero nei confronti di EUROGENDFOR. Ha ricordato commosso i gendarmi caduti nell’adempimento del dovere, che hanno perso la vita per contribuire a migliorare la vita del popolo afgano sotto la bandiera di EUROGENDFOR – “A loro e alle loro famiglie porgo il mio saluto e la mia gratitudine”. La Forza di Gendarmeria Europea rappresenta un esempio concreto di cooperazione tra sette Paesi europei (Francia, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Romania e Spagna - con la Lituania come membro “partner” e la Turchia come membro “osservatore”), che hanno messo a disposizione della Comunità Internazionale una struttura multinazionale di polizia da impiegare principalmente nelle operazioni di supporto alla pace.   Al Colonnello Lucian GAVRILĂ, che è stato il settimo Comandante di EUROGENDFOR, vanno tributati i nostri ringraziamenti per l’eccellente organizzazione del lavoro impostato in questi due anni, per mezzo del quale il Quartier Generale Permanente della Forza di Gendarmeria Europea ha raggiunto risultati straordinari. Un sincero augurio per il prosieguo della sua brillante carriera. Al Colonnello Giuseppe ZIRONE i nostri migliori auguri di successo.
  8. Velletri (RM) - Celebrato il 50° Anniversario di fondazione Caserma "V.Brig. M.O.V.M. Salvo D'Acquisto"

    Oggi, presso la caserma “V.Brig. M.O.V.M. Salvo D’Acquisto” di Velletri, sede del 2° Reggimento Allievi Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri, si è tenuta la cerimonia di celebrazione del 50° Anniversario della Fondazione della caserma e di chiusura del 1° Corso Superiore di qualificazione per Allievi Marescialli. Alla cerimonia ha preso parte il Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Giovanni Nistri, oltre a numerose autorità civili, militari e religiose. Nel piazzale della Bandiera si è schierato la Fanfara del 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo e un Battaglione di formazione su tre Compagnie Allievi. Dopo l’ingresso dei labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma e dei gonfaloni delle città di Velletri e Moncalieri, già sede, fino al 1959, del 1° Battaglione Allievi Sottufficiali dei Carabinieri, la Bandiera d’Istituto della Scuola Marescialli e Brigadieri dei Carabinieri si è inserita nello schieramento, con gli onori ai Caduti con la deposizione di una corona d’alloro. Successivamente Il Ministro Trenta ha passato in rassegna lo schieramento, accompagnata dal Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Giovanni Nistri. Si è proceduto quindi alla lettura della motivazione della Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria conferita al Vice Brigadiere Salvo D’Acquisto, eroe dell’Arma, a cui è intitolata la caserma di Velletri di cui viene celebrato il 50° Anniversario della fondazione. Per l’occasione erano presenti anche alcuni radunisti del 22° Corso Allievi Sottufficiali che per primi inaugurarono i corsi presso la sede di Velletri. A seguire è stata celebrata la chiusura del 1° Corso Superiore di qualificazione per Allievi Marescialli, sugellata con la consegna del grado di Maresciallo ai quattro allievi più anziani e di un attestato di merito ai tre Allievi primi classificati, in rappresentanza dei 655 Allievi Marescialli. Terminata la cerimonia, presso il Circolo Ufficiali del 2° Reggimento è stata inaugurata una mostra storico-documentale sui cinquanta anni della caserma di Velletri. La mostra sarà aperta al pubblico fino al 3 luglio.
  9. Roma - CARABINIERI FORESTALI: SEMI PER COLTIVARE IL FUTURO DEI BOSCHI ITALIANI

    Si è tenuta, il 18 giugno a Roma, presso il Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri, la cerimonia di consegna dei semi alle Regioni e comunità colpite dalla tempesta “Vaia”, uno dei più gravi disastri naturali degli ultimi anni Cerimonia di consegna dei semi per il futuro dei boschi distrutti dalla tempesta “Vaia” dello scorso ottobre. Un’occasione per testimoniare e consolidare la collaborazione istituzionale fra l’Arma dei Carabinieri e gli Enti colpiti da uno dei più grandi avvenimenti calamitosi dello scorso anno. All’evento, presso la sala del Parlamentino delle Foreste del Comando Unità Forestali, Ambientali e Agroalimentari Carabinieri il 18 giugno alle ore 15.30, hanno partecipato il Ministro delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo Gian Marco Centinaio e il Generale C.A. Angelo Agovino, Comandante del CUFA, oltre al Presidente della Regione Veneto, i Presidenti delle Province autonome di Trento e Bolzano e dello Scario della Magnifica Comunità di Fiemme. La tempesta Vaia ha distrutto vaste superfici forestali, ma grazie all’impegno dei Carabinieri forestali e delle comunità locali del Veneto, Trentino Alto Adige e Val di Fiemme, è stato possibile raccogliere una grande quantità di frutti forestali. Questi, opportunamente trattati presso il Centro Nazionale Biodiversità Forestale di Peri (VR), hanno reso possibile la produzione di oltre 200 chilogrammi di seme puro appartenente alle specie forestali danneggiate dalla tempesta. Subito dopo la presentazione del progetto “Vaia” da parte del Gen. D. Davide De Laurentis, si assisterà alla proiezione del video sui Centri Nazionali Biodiversità Forestale realizzato dal Raggruppamento Biodiversità per illustrare le attività di educazione ambientale e quelle di conservazione e selezione della biodiversità forestale. Il Raggruppamento Biodiversità nella sua mission istituzionale di educazione e divulgazione ambientale quale mezzo per la conoscenza della biodiversità e per la prevenzione dei reati ambientali, propone ogni anno un progetto legato alla conoscenza della natura e il tema scelto per l’anno scolastico 2018-2019 è stato Il mondo visto con gli occhi di un albero. Proprio nell’ambito di tale progetto è stato realizzato dagli alunni della Scuola Primaria “Istituto Comprensivo di Agordo D.G. MEZZACASA” della valle Agordina, un elaborato artistico sulla tempesta “Vaia” Successivamente alla presentazione del lavoro gli studenti, accompagnati dai Carabinieri forestali, hanno consegnato simbolicamente i semi contenuti in sacche di juta ai Presidenti della Regione Veneto, delle Province autonome di Trento e Bolzano e dello Scario della Magnifica Comunità di Fiemme, come augurio della rinascita dei boschi italiani nord- orientali.
  10. Roma - Celebrato il 205° Annuale della Fondazione dell’Arma dei Carabinieri

    All’interno della Caserma “Salvo D’Acquisto” di Tor di Quinto, l’Arma dei Carabinieri ha celebrato il 205° Annuale di Fondazione, alla presenza di Autorità Parlamentari e di Governo, di esponenti delle Magistrature e del Comandante Generale Giovanni Nistri. La cerimonia, iniziata alle ore 18.00 con lo schieramento di tre Reggimenti di formazione rappresentativi di tutte le organizzazioni dell’Arma, da quella Addestrativa alla Territoriale, dalla Mobile e Speciale alla Tutela Forestale Ambientale e Agroalimentare, ha previsto gli onori al Ministro della Difesa Elisabetta Trenta, che ha dapprima passato in rassegna i reparti schierati e successivamente ha tenuto un breve discorso. Si è svolta poi la consegna della Medaglia d’Oro al “Merito Civile” e di quella d’Oro dei Benemeriti della Cultura e dell’Arte alla Bandiera di Guerra dell’Arma dei Carabinieri con le seguenti motivazioni: “Fedele ai più alti valori di lealtà, coraggio e dedizione al servizio del paese, l’Arma dei Carabinieri, attraverso il Gruppo Intervento Speciale, offriva reiterate prove di ammirevole valore e impareggiabile determinazione nel contrasto alla minaccia portata, contro le istituzioni democratiche, dall’eversione interna, dal terrorismo internazionale e dalla criminalità organizzata. Unità di intervento speciale e reparto incursori delle forze speciali, il G.I.S. ha assolto le missioni affidate con risolutiva fermezza e ammirevole capacità, operando in contesti ambientali, anche internazionali, sempre caratterizzati da elevatissimo rischio. Il tenace impegno e la salda disciplina di tutti i suoi componenti permettevano di conseguire successi operativi di preminente rilievo, che riscuotevano l’ammirazione dell’opinione pubblica e meritavano la riconoscenza delle più alte autorità nazionali e degli organismi internazionali, contribuendo a esaltare il prestigio e l’immagine dell’istituzione”. Territorio nazionale ed estero, 1978 – 2018; “L'Arma dei Carabinieri, attraverso l'incisiva azione svolta in cinquanta anni di attività dal Comando per la Tutela del Patrimonio Culturale, offriva prova di straordinario impegno e peculiare professionalità per la salvaguardia dei beni artistici e archeologici nazionali. Le numerose operazioni, condotte in Italia e all'estero con assoluta perizia e sicura capacità, consentivano il rintraccio e il recupero di opere di inestimabile valore storico e artistico illecitamente sottratte. L'eccellenza delle competenze maturate dal reparto speciale superava i confini del paese per imporsi all'attenzione della comunità internazionale fornendo, da ultimo, determinante contributo alla realizzazione della task force "Unite4heritage", costituita sotto l'egida dell'UNESCO, per la salvaguardia dei beni culturali in caso di disastri e nei teatri di crisi. Gli eccezionali risultati conseguiti e gli encomiabili meriti acquisiti favorivano la diffusione del rispetto dei valori della cultura e dell'arte esaltando, ovunque, l'immagine dell'Italia”. Territorio nazionale ed estero, 1978 – 2018. Successivamente si è proceduto con la consegna delle “Ricompense” ai sottonotati Carabinieri: Medaglia d’Oro al Valore Civile “alla memoria” del V. Brig. Emanuele Reali: “Addetto ad Aliquota Operativa di Compagnia capoluogo, con eccezionale coraggio, sprezzo del pericolo e ferma determinazione, non esitava a porsi all’inseguimento di uno degli autori di un furto che, per sottrarsi alla cattura, aveva scavalcato la recinzione di una linea ferroviaria. Incurante del pericolo, proseguiva l’inseguimento del malvivente lungo i binari venendo travolto da un convoglio ferroviario in transito. Fulgido esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere, spinto fino all’estremo sacrificio”. Caserta, 6 novembre 2018; Medaglia d’Oro al Valore Civile a: Cap. (ora Magg.) Elio Norino, Mar. Magg. Massimo Piras, Mar. Magg. Gian Paolo Capuano Mar. Magg. Giacomo Nicolò Vecchi, Mar. Magg. Arturo Guidoni, Mar. Ord. Domenico Marrocco, Mar. Ord. Emanuele Manieri, Mar. Ord. Fabio D’alessio, App. Sc. Antonio Cuccaro, App. Antonio Mariano, Car. Sc. Antonio Vincenti (tutti in servizio presso la Compagnia CC di Bologna Borgo Panigale): “Con eccezionale coraggio, esemplare altruismo e cosciente sprezzo del pericolo, in occasione di grave sinistro stradale che provocava l’incendio di un’autocisterna carica di materiale infiammabile, si prodigava, insieme con altri militari, coordinandone l’azione, per allontanare passanti e residenti dal luogo interessato, incurante del rischio di ulteriori esplosioni. Improvvisamente investito da violentissima deflagrazione, che gli cagionava ustioni su varie parti del corpo, nonostante le lesioni riportate, prestava soccorso ai numerosi feriti, continuando nell’opera di messa in sicurezza dell’area. Chiaro esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere.” Bologna, 6 agosto 2018; Medaglia d’Oro al Valore Civile a: Mar. Ca. Roberto Manucci, Car. Sc. Aldo Alberto Leone (Stazione di Paullo-MI), App. Sc. Q.S. Andrea Celeste, App. Sc. Francesco Paolo Savona (Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia CC di San Donato Milanese), App. Sc. Simone Zerbilli, Car. Francesco Citarella (Stazione CC di Segrate – MI), App. Sc. Diego Nicola Sanzari, Car. Francesco Nano (Stazione CC di Peschiera Borromeo – MI), Car. Donato Zigrino, Car. Giovanna Calvaruso (Tenenza CC di San Giuliano Milanese – MI): “Con ferma determinazione, generoso altruismo ed eccezionale senso di abnegazione, nel corso di servizio di controllo del territorio, non esitava, insieme con altri militari, a intervenire in soccorso di 51 studenti e 3 adulti, tenuti in ostaggio a bordo di un autobus di linea dal conducente che, intenzionato a commettere una strage, con la minaccia delle armi, aveva fatto immobilizzare i minori e cosparso il veicolo di liquido infiammabile. Nella circostanza, dopo un prolungato inseguimento, nonostante i ripetuti speronamenti, riusciva a bloccare la fuga e a far scendere rapidamente gli ostaggi dal bus, cui il malintenzionato aveva nel frattempo appiccato il fuoco, traendo in salvo l’intera scolaresca e gli accompagnatori. Chiaro esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere.” San Donato Milanese (MI), 20 marzo 2019; Medaglia d’Oro al Merito Civile a App. Sc. Q.S. Raffaele Mazza (Centrale Operativa Compagnia CC di Crema - CR), App. Sc. Domenico Altamura (Centrale Operativa Compagnia CC San Donato Milanese), App. Sc. Maurizio Atzori (Centrale Operativa Compagnia CC Lodi): “Con ferma determinazione ed elevata prontezza, coordinava l’intervento a soccorso di 51 studenti e 3 accompagnatori, tenuti in ostaggio a bordo di un autobus di linea dal conducente, intenzionato a commettere una strage. Raccolte le informazioni dalle concitate chiamate di soccorso, forniva immediate e puntuali indicazioni al dispositivo sul territorio, consentendo il rapido afflusso delle pattuglie, che riuscivano a intercettare e bloccare il mezzo dopo un prolungato inseguimento. L’operazione si concludeva con la liberazione di tutti gli ostaggi e l’arresto del malvivente. Chiaro esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere”. San Donato Milanese, 20 marzo 2019; Medaglia d’Argento al Valor Civile a App. Sc. Q.S. Sergio Palmeri (Stazione CC di Pioraco – MC), App. Sc. Simone Fazzari (attualmente presso Ambasciata d’Italia in Macedonia): “a seguito di proditoria azione di fuoco contro inermi passanti, dando prova di ferma determinazione, spiccata professionalità e cosciente sprezzo del pericolo, interveniva, unitamente a commilitone, riuscendo a bloccare e trarre in arresto, per strage e tentato omicidio plurimo aggravato dalla discriminazione razziale, un soggetto che, armato di pistola, aveva gravemente ferito sei cittadini stranieri. L’esemplare azione, che permetteva di scongiurare più gravi conseguenze contribuendo ad attenuare il grave allarme sociale  provocato nella cittadinanza, riscuoteva ampi consensi nell’opinione pubblica e l’unanime compiacimento delle Autorità nazionali, regionali, provinciali e locali, esaltando il prestigio dell’Istituzione”. Macerata, 3 febbraio 2018; Medaglia d’Argento al Valor Civile a Ten. Col. Nicola Mirante, Cap. (ora Magg.) Andrea Cinus, Lgt. (ora Lgt. C.S.) Giulio Napoli (Provinciale CC di Caserta), Cap. (ora Magg.) Marilena Scudieri, Mar. Ca. Alessandro Rossi, Mar. Clemente Iodice, App. Attilio Bassi (Gruppo CC Forestale Caserta): “Con ferma determinazione, eccezionale coraggio e cosciente sprezzo del pericolo, in occasione di un violento incendio boschivo, insieme con altri militari, non esitava a soccorrere e trarre in salvo una famiglia di cinque persone, rimaste intrappolate all’interno della propria abitazione nel disperato tentativo di salvare i propri beni. Chiaro esempio di elette virtù civiche e non comune senso del dovere.” Caserta, 12 luglio 2017. A seguire, come di consueto, si è svolta la consegna del “Premio Annuale” a sei Comandanti di Stazione che si sono particolarmente distinti nell’attività d’istituto. Come ha ricordato il Capo della Stato nel suo messaggio augurale, i carabinieri “…dispiegano una elevata professionalità, accompagnata da spiccata umanità, dal rispetto per culture e tradizioni diverse, suscitando sentimenti di stima e riconoscenza”. Il Ministro Trenta ha sottolineato che l’Arma è “una straordinaria, unica realtà tutta italiana che non trova eguali in nessun altro Pese del mondo. Le pagine della sua storia descrivono chiaramente un rapporto privilegiato tra gli italiani e i loro Carabinieri”. I Comandanti di Stazione sono i protagonisti di questa encomiabile opera, primi riferimenti per i cittadini. Quest’anno sono premiati: Luogotenente Carica Speciale Antonio Rossi, Comandante della Stazione Carabinieri di Castel San Pietro Terme (BO); Luogotenente Carica Speciale Raffaele Di Donato Comandante della Stazione Carabinieri di Marigliano (NA); Luogotenente Giampaolo Paolocci, Comandante della Stazione Carabinieri di Runo Dumenza (VA); Luogotenente Gianni De Podestà, Comandante della Stazione Carabinieri Forestale di Viù (TO); Maresciallo Maggiore Giovanni Villanucci, Comandante della Stazione Carabinieri di Roma-Tor Bella Monaca; Maresciallo Maggiore Rosario Alessandro, Comandante della Stazione Carabinieri di Barrafranca (EN). l termine delle premiazioni, dopo il deflusso dei Reparti, lo Storico Carosello Equestre, eseguito dal 4° Reggimento Carabinieri a Cavallo per rievocare la “Carica di Pastrengo” del 1848. La manifestazione è terminata con gli onori finali al Ministro della Difesa. L’Arma celebra la propria festa il 5 giugno, giorno in cui, nel 1920, la Bandiera dell'Arma fu insignita della prima Medaglia d’Oro al Valor Militare per la partecipazione dei Carabinieri alla Prima Guerra Mondiale.
Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn